2017-VDC-FlaTa

Erboristeria Via del Campo – Como

Una committenza molto giovane, formata da un gruppo di amici che ha deciso di puntare su una filosofia di business naturale, proponendo al pubblico una selezione rigorosa di prodotti erboristici ed estetici di qualità e di provenienza eco-certificata.

Una sfida progettuale per dare vita ad uno spazio anonimo, stretto, lungo e in pessime condizioni, con un solo affaccio sulla via Giuseppe Rovelli di Como, una location importante, nei vicoli pedonali della città murata: a due passi da Porta Torre e dalla Basilica di San Fedele, frequentata, non solo dai comaschi, ma, sempre di più, anche da un turismo internazionale.

L’esigenza di distinguersi da un universo di negozi che, in poche migliaia di metri quadrati, offre innumerevoli spunti e categorie merceologiche.

Queste le premesse alla base della nuova erboristeria “Via del Campo”.

Grazie ad un percorso fatto di disegni, prototipi e prove colori, il progetto a poco a poco ha preso una forma concreta anche grazie al coinvolgimento attivo e partecipe della committenza.

Il risultato finale è la smaterializzazione dell’effetto tunnel o garage, ottenuta grazie al disegno asimmetrico dei mobili contenitori addossati alle pareti perimetrali dalla quale si distaccano, in maniera casuale, disegnando una nuova ed inusuale area di vendita.

A pavimento, la ceramica 60×60 posata a 45° rispetto al fronte strada/vetrine, sottolinea questo andamento “disordinato” che però trova il suo ordine nella penisola della zona della Cassa allineata proprio al pavimento.

Tutta la fornitura in pratico laminato, realizzata, su mio disegno, dalla Arnaboldi Interiors di Cantù è “tipo olivo” all’esterno, mentre internamente spicca il colore verde erbetta. Dello stesso verde anche il top degli espositori e dello zoccolino pantografato a forma di erba che nell’idea di progetto, rappresenta proprio il prato su cui nascono gli alberi della Via del Campo… Sono cinque gli elementi scultorei a forma di Albero stilizzato che “offrono” i propri rami, per esporre i prodotti commercializzati.

Gli Alberi sostituiscono le banali mensole/vetrine e di sera, magicamente, sembrano volersi staccare dal muro che li sostiene, grazie ad un elaborato ed ingegnoso sistema di illuminazione a basso consumo energetico, invisibile agli sguardi del pubblico.

Oltrepassata la zona della cassa, l’ambiente si fa un po’ più intimo: i muri sono rivestiti di carta da parati floreale in linea col tema dell’erboristeria.

E’ stata creata una piccola zona attesa – relax, dove i clienti, comodamente seduti in poltrona, possono degustare, prima di comprarle, le tisane naturali che il negozio ha licenza di vendere anche sfuse.

Un vecchio ed autentico banco di falegname canturino, sapientemente riportato a nuova vita da mani abili ed esperte, viene utilizzato come espositore orizzontale per altre tipologie merceologiche e da quinta teatrale per le riprese fotografiche dei prodotti che, settimanalmente, vengono pubblicizzati sui social del negozio.

Completano l’intervento un magazzino, il bagno e una piccola sala trattamenti, che non hanno una valenza significativa in questa sede.